Globalizzazione, una risorsa da salvare, un’opportunità da cogliere

Globalizzazione, una risorsa da salvare, un’opportunità da cogliere

808
0
Condividi

Mentre l’Occidente fa i conti con la Brexit, l’ascesa della destra di Alternative für Deutschland e le teorie isolazioniste di Donald Trump, c’è chi spinge sulla globalizzazione e sulle sue opportunità. Si tratta di Paesi come Cina e India, che sempre più si presentano come economie in grado di guidare il mercato. Ecco una riflessione in seguito al G20 che si è tenuto ad Hangzhou il 4-5 settembre scorso.

Cina a caccia di maggior globalizzazione

La seconda economia del mondo ha invocato maggiore globalizzazione, invitando le potenze riunite ad agevolare scambi e investimenti internazionali. Una richiesta, quella cinese, che non stupisce visto che, a conti fatti, la Cina ha beneficiato della globalizzazione in maniera consistente: il Pil oggi è sei volte quello del 2001 (anno del suo ingresso nell’Organizzazione mondiale per il commercio) mentre il suo Pil pro capite è passato da 1.000 a 8.000 dollari Usa e il suo export commerciale è cresciuto dell’850%.

L’India sorpassa la Cina?

Una leadership, quella cinese, indiscussa… almeno fino a qualche tempo fa. Fattori come la crisi demografica e il cambiamento della domanda estera dovuta alla crisi hanno contribuito a un mutamento di strategia che ha spinto Pechino a costruire un nuovo sistema, costituito da più consumi interni e minore dipendenza dal settore export, con priorità sull’innovazione.

Da tempo la Cina è sotto accusa perché non prevede per i capitali stranieri la stessa apertura che l’Occidente concede invece a quelli cinesi. Alla vigilia del G20 Obama aveva precisato che la Cina non può pretendere di “seguire solo le politiche mercantilistiche che tornano a suo vantaggio”. Una delle richieste statunitensi è stata proprio quella di “garantire a tutte le aziende la stessa opportunità di competere in Cina in maniera equa”.

A farsi spazio in modo insistente in questo panorama è l’India: nel 2015 si è verificato per la prima volta il sorpasso sulla Cina con una crescita del prodotto interno lordo del 7,5%. Grazie a questo risultato quella indiana si è attestata come l’economia che cresce più velocemente al mondo.

Da questo quadro emerge quindi una riflessione importante: mentre in Europa si lotta per una crescita dello “zero virgola“, esistono ancora paesi virtuosi con margini di crescita interessanti, che si traducono in grosse opportunità alle quali guardare.

Nessun commento